jeans.jpgNon ho il tempo di scrivere un post lungo sull’argomento (che meriterebbe per le sue caratteristiche di stravaganza e assurdità, una particolare attenzione (me ne occuperò sicuramente in maniera più approfondita in seguito), ma non voglio perdere l’occasione di anticipare il più possibile il fallimento di una iniziativa che ha intrapreso da qualche settimana la società per la quale ho lavorato circa 5 anni, ovverosia: Godado Italia S.r.l..

Prima una breve introduzione storica; poco prima del natale del 2005, gli amministratori e proprietari di Godado, Diego Ratti e Pietro Cassago, hanno deciso di ‘licenziarmi’. Il termine non è corretto perchè io non ero assunto come dipendente, ma come consulente che ‘de facto’ svolgeva funzioni di dirigente e sostituiva i signori in questione in tutte le attività durante le loro assenze per motivi di svago o di lavoro.

Ho cominciato a lavorare in Godado nel febbraio del 2000 e ho visto crescere e decrescere e poi ancora crescere e poi decrescere questa societá tante volte, e tante volte l’ho risollevata dalla cattive acque in cui stava versando. Ho sempre pensato che il mio contributo fosse e fosse stato importante, ma mai come ora mi accorgo di quanto sia vero.
La dimostrazione di quanto dico sono le iniziative intraprese dalla Godado Italia S.r.l.

In primis, l’iniziativa di TeleGodado, ovverosia l’idea di dare vita a una televisione online sfruttando un netwok cinese. L’iniziativa, intrapresa solo da qualche sito di calcio mesi e mesi prima e da nessun altro è stata poi repentinamente eliminata in un week-end, quando siti più noti di Godado erano finiti nel mirino della Guardia di Finanza. Il fatto che l’iniziativa di Telegodado.com sia stata un clamoroso flop non ha però impedito agli amministratori e manager di Godado di intraprendere un’altra intrapesa, ovverosia di dedicarsi allo shopping online.


Più precisamente:

- allo shopping online
- allo shopping online di abbigliamento
- allo shopping online di abbigliamento per donna
- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans
- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans con strass
- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans con strass di una marca brasiliana (il Brasile è noto per i prodotti di abbigliamento)
- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans con strass di una marca brasiliana di una ditta sconosciuta in Italia (e anche in Brasile)
- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans con strass di una marca brasiliana di una ditta sconosciuta in Italia (e anche in Brasile) che costano come dei Levi’s e in alcuni casi come dei capi di Dolce & Gabbana

- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans con strass di una marca brasiliana di una ditta sconosciuta in Italia (e anche in Brasile) che costano come dei Levis e in alcuni casi come dei capi di Dolce & Gabbana nel mercato morto dell’ e-commerce italiano, che preoccupa anche società che normalmente possono permettersi di stare in perdita per anni, prima di andare in mol (margine lordo operativo) positivo
- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans con strass di una marca brasiliana di una ditta sconosciuta in Italia (e anche in Brasile), che costano come dei Levis e in alcuni casi come dei capi di Dolce & Gabbana, nel mercato morto dell e-commerce italiano che preoccupa anche società che normalmente possono permettersi di stare in perdita per anni prima di andare in mol positivo, puntando sull abbigliamento che è uno dei settori meno floridi dell’ecommerce italiano, e che presenta innumerevoli problemi di resi, di taglie sbagliate, di capi difettati etc…

- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans con strass di una marca brasiliana di una ditta sconosciuta in Italia (e anche in Brasile) che costano come dei Levis, e in alcuni casi come dei capi di Dolce & Gabbana, nel mercato morto dell’ e-commerce italiano che preoccupa anche società che normalmente possono permettersi di stare in perdita per anni, prima di andare in mol positivo, puntando sull’abbigliamento che è uno dei settori meno floridi dell’ecommerce italiano e che presenta innumerevoli problemi di resi, di taglie sbagliate, di capi difettati etc, senza avere pensato minimamente a produrre un sito indicizzabile da uno qualsiasi dei motori di ricerca utilizzati in Italia

- allo shopping online di abbigliamento per donna di jeans con strass di una marca brasiliana di una ditta sconosciuta in Italia (e anche in Brasile) che costano come dei Levis e in alcuni casi come dei capi di Dolce & Gabbana, nel mercato morto dell’e-commerce italiano che preoccupa anche società che normalmente possono permettersi di stare in perdita per anni prima di andare in mol positivo, puntando sull’abbigliamento che è uno dei settori meno floridi dell’ecommerce italiano e che presenta innumerevoli problemi di resi, di taglie sbagliate, di capi difettati etc, senza avere pensato minimamente a produrre un sito indicizzabile da uno qualsiasi dei motori di ricerca utilizzati in Italia, utilizzando un nome a dominio che per chiunque non sappia il portoghese brasiliano significa legale e non cool o ‘fico’ come si direbbe in Italia.

Non mi ricordavo che nella ragione sociale di Godado Italia S.r.l. fosse possibile vendere prodotti (jeans, frutta o altro), ma sicuramente non capisco come sia possibile che, delle persone che hanno lavorato per anni in internet e che hanno avuto anche modo di conoscere persone e società, capaci di sfruttare in qualche modo i pochi spazi di crescita imprendioriale che permette il web italiano, non abbiano capito che non è sufficiente avere una fidanzata brasiliana, un padre che produce
tessuti e un altro padre che produce mobili (e che dovrebbe occuparsi del packaging dei jeans brasiliani) per avere successo in un mercato difficilissimo come quello dell’ínternet italiano, che lascia spazio concreto solo a società che, non solo si occupano di vendere prodotti sensati (hi-tech, libri e tutto quello che non comporta un rapporto emozionale o problematico
- come le taglie, la qualità dei tessuti etc…).

Nessuna attenzione al naming del sito o del prodotto, nessuna attenzione all’índicizzazione del sito stesso (che è per l’appunto non indicizzabile nella sua struttura attuale), nessuna attenzione alle più elementari norme di analisi della concorrenza e del mercato presente nel paese dove si opera (anche se i jeans legali si vendono anche all’estero), mi fanno pensare che veramente Internet sia un mercato più difficile del previsto, e che molto del dramma che internet ha vissuto e sta vivendo ora, sia dovuto a inziative sbalestrate come questa, che fanno allontanare i veri imprenditori da Internet (mostrando loro continui insuccessi) e fanno sì che se ne allontanino anche le persone (programmatori, grafici, commerciali) più capaci.

Tutti sanno che le donne amano acquistare i prodotti di abbigliamento nei negozi fisici e non virtuali, non solo per motivi pratici (e, vedendo i prezzi, direi anche economici), ma anche perché per le donne, come anche per alcuni uomini, è fondamentale un approccio emotivo, con il negozio stesso, con la commessa che viene ripetutamente subissata di richieste notoriamente non realizzabili, con il fidanzato o il marito che aspetta fuori fumando e guardando dalla vetrina come sta con il nuovo vestito.

Che senso ha vendere prodotti che probabilmente si trovano simili nel mercato sotto casa (non ho acquistato per vedere e forse non ha acquistato nemmeno qualche dipendente d Godado stessa)? Che senso ha mettersi in concorrenza (si licet) con leader come Yoox, che vendono solo prodotti di marche conosciute e apprezzate e che puntano, pur nelle difficoltà del mercato e pur investendo grosse cifre, solo a prodotti che sono difficilmente trovabili (ma che sono desiderati) in molte parti del nostro e soprattutto di altri paesi?

Ora vivo in Thailandia e non posso che ringraziare Godado Italia S.r.l., nelle persone dei suoi lungimiranti amministratori di avermi permesso di vivere questa esperienza. Forse troverò una fidanzata thailandese, magari recuperata in qualche ‘bar’ del posto e mi dedicherò a vendere massaggi. Ovviamente, massaggi online.

Condividi:
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • LinkedIn
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Tumblr
  • email
  • Print
  • FriendFeed
  • Twitter

Nessun post simile.