IMlog
La conoscenza nell'era digitale
Autore: Sebastiano.Pagani | Categoria: Avvistamenti | Data: Martedý, 13 Aprile 2004 

Come si pu˛ evincere da alcuni miei interventi passati in questo Blog, sono un sostenitore della condivisione dei saperi, e un osservatore attento (e spesso preoccupato dalla situazione) della proprietÓ intellettuale applicata alle nuove tecnologie.
La mia idea in proposito Ŕ molto semplice, almeno nell'enunciazione: la proprietÓ intellettuale deve tutelare l'ingegno degli "inventori" (creativi, artisti, musicisti, creatori di software, creatori d'impresa, ecc...), ma non al punto da impedire la circolazione delle idee e delle innovazioni, creando quella che potremmo chiamare "scarsitÓ artefatta".

Se molti anni fa fosse stato fatto lo stesso uso che si fa oggi dei brevetti, molte innovazioni create negli ultimi anni, nate dalla condivisione dei saperi, non sarebbero mai nate; non sono io a dirlo, ma i ricercatori, gli sviluppatori software, che lavoravano allora e lavorano oggi, e che oggi rivendicano la riproduzione delle licenze open source, nate appunto dal software, anche nella ricerca scientifica.
Il problema, anche se non sembrerebbe, tocca anche noi professionisti di marketing; non siamo forse lavoratori cognitivi? Il nostro lavoro Ŕ la produzione di idee, la manipolazione delle conoscenze, le quali non possono che essere condivise con l' esterno, e spesso lo sono nostro malgrado, inevitabilmente. Il "protezionismo" applicato ai saperi ci lederebbe moltissimo...oltretutto molti non si sono ancora accorti che siamo nella societÓ dell'Informazione.

Il discorso sarebbe (Ú) molto lungo, mi riprometto di approfondirlo in futuro (sempre se Voi lettori lo desiderate, lasciate commenti in proposito); per chi volesse approfondire autonomanente, potrebbe essere interessante partecipare al dibattito itinerante promosso dalla Free Software Foundation, del quale si parla su Punto Informatico

Commenti

Sono perfettamente d'accordo, anzi ritengo che la condivisione dei saperi sia quasi un obbligo nella societÓ odierna che impone ritmi di vita sempre pi¨ incalzanti e produzioni sempre maggiori, di idee ma anche dei beni materiali. Tutta questa frenesia in cui l'imperativo categorico Ŕ "produrre" impone, a parer mio, la condivisione delle conoscenze al fine di ridurre i tempi d'apprendimento e quindi i tempi d'ideazione, di progettazione e di produzione.
Credo sia uno spunto di riflessione molto interessante e che valga la pena approfondirne i vari aspetti.

Inviato da: Beatrice @ 28.04.04 09:37

Advertising
Commenti Recenti
Beatrice: Sono perfettamente d'accordo, anzi ritengo che la [Leggi]
TAG

Post Recenti
Archivio
Categorie
Link
Autori
Andrea.Boscaro (4)
Andrea.Cappello (3)
Antonella.Cadeddu (28)
Claudia.Lanteri (2)
Claudio.Iacovelli (4)
Elisabetta.Oldrini (35)
Enrico.Bianchessi (21)
Eva.Bassi (2)
Federico.Riva (27)
Francesca.Gugliucci (2)
Gianluca.Arnesano (2)
Gianluca.Demarchi (19)
Gianluca.Diegoli (12)
Giorgio.Baresi (1)
Giuseppe.Mayer (114)
Jacopo.Gonzales (7)
Laura.Cocorempas (9)
Lorenzo.Citro (3)
Lorenzo.LaRegina (1)
Lucia.Vellandi (3)
M. Bancora (120)
Marco.Loguercio (3)
Martina.Zavagno (2)
Matteo.Balzani (490)
Maurizio Goetz (136)
Maurizio.Caimi (2)
Michele.DeCapitani (1)
Redazione (50)
Riccardo.Porta (2)
Roberto Cucco (4)
Sebastiano.Pagani (38)
Simone.Lovati (11)
Thomas.Grones (3)
Thomas.Salerno (1)



Tutti i contenuti sono liberamente riproducibili citando la fonte. I commenti ai post appartengono ai rispettivi autori, i quali si assumono la responsabilitá di quanto scritto. I testi degli interventi appartengono ai rispettivi autori. Tutte le email comunicate sono archiviate esclusivamente per pubblicare il blog. Tutti i contenuti sono pubblicati sotto la licenza Creative Commons. Le opinioni riportate in questo sito non rispecchiano necessariamente nÚ hanno legami con le posizioni degli autori nelle aziende in cui lavorano, collaborano o forniscono consulenze.