IMlog: il blog per chi fa marketing, online dal 1996.

07.09.05

La rabbia di Microsoft

Qualcuno avrÓ certamente letto delle dichiarazioni 'colorite' di Steve Ballmer di Microsoft. All'ennesimo collaboratore che ha deciso di lasciare MS per andare a lavorare da Google, Ballmer si Ŕ infuriato e, condendo con gli americanicissimi f***ing ha detto che avrebbe fatto a pezzi (ovviamente metaforicamente...:) il Ceo di Google. Molti sono rimasti scandalizzati dal comportamento e dalle frasi di Ballmer, ma ritengo che la sua rabbia fosse giustificata; mi stupirei se avesse reagito gandhianamente dicendo: "Hey, beh allora buona fortuna e salutami Brin e Page!". Spero sempre che la 'guerra' fra i tre grandi nella web search porti a dei vantaggi per gli utenti (non se ne vedono ultimamente), ma Ballmer non avrebbe dovuto prendersela con il 'povero' Lee, avrebbe dovuto incazzarsi amaramente con se stesso e William Gates, che - nel 1993 - dichiar˛ con grande secchezza:

"The Internet? We are not interested in it"-- Bill Gates, 1993

Qualche anno dopo, forse si rese conto di essere stato un po' miope e disse (sorpreso):

"Sometimes we do get taken by surprise. For example, when the Internet came along, we had it as a fifth or sixth priority."

-- Bill Gates, Jul, 1998

Vale anche la pena di ricordare che quando Google era giÓ sulla bocca di tutti Microsoft si dilungava in spiegazioni in merito ai colori utilizzati per il marchio di msn.com e che hanno cominciato a darsi da fare per mettere in piedi un motore di ricerca solo due anni fa. Chi sbaglia, a volte, paga. Questo Ŕ uno dei casi.

@ 07.09.05 08:18