IMlog
Amazon.com: get big fast
Autore: Matteo.Balzani | Categoria: Recensioni | Data: Mercoledý, 1 Febbraio 2006 

amazon_getbigfast.JPG"Get big fast" Ŕ stato un motto comune a molte dotcom a metÓ degli anni novanta, la maggior parte delle quali adesso non esiste pi¨.

Questo libro di Robert Spector, anche se non aggiornatissimo (2002), ripercorre la nascita e lo sviluppo della madre di tutti i siti di e-commerce, Amazon.com.

Ovviamente c'Ŕ anche la parte romanzata della vita di Jeff Bezos fin da bambino. Un dettaglio divertente: Bezos non era certo un ragazzino, pur essendo molto giovane, quando ha fondato Amazon, aveva giÓ una grossa esperienza lavorative e soprattutto era giÓ un milionario; quando ha comprato casa a Seattle per˛ ha preteso che avesse un box per l'auto, perchŔ non voleva venir meno alla tradizione della dotcom nata in un garage :)

Il libro si chiude con un dubbio sulle reali possibilitÓ di Amazon di sostenere il business e di "farcela", quindi non Ŕ proprio profetico, ma quello che conta Ŕ la dettagliatra descrizione dei passi, anche falsi, del pi¨ grande sito di e-commerce esistente: la nascita, la crescita, le scelte commerciali, quelle logistiche, la ridefinizoione dle modello di business, la cultura del lavoro e della collaborazione.
Proprio questo ultimo punto Ŕ fondamentale, ed Ŕ allo stesso tempo molto pre-bolla e molto 2.0. Bezos ha cercato fin dall'inizio di impostare Amazon come un'azienda customer-oriented e che facesse del servizio la propria caratteristica distintiva.

Una sua frase mi Ŕ rimasta impressa: "Competitors can never copy a culture".
Forse Ŕ stata questa la chiave per sopravvivere a 9/10 anni di perdite (e di acquisizioni discutibili: drugstore.com, perts.com, ecc.): la consapevolezza che comunque sotto ci fosse un qualcosa di diverso e di unico.

Prima "get big fast" e poi "get bigger faster" sono stati i due mantra dell'azienda, che ha continuato ad aumentare il numero di clienti, il fatturato, gli oggetti disponibili, ma anche, e in maniera esponenziale, le perdite.
Adesso che la bottom line Ŕ nera... il futuro Ŕ rosa! :)

Commenti

chi me lo presta?

Inviato da: gm @ 03.02.06 14:05

bella recensione.

Inviato da: Maurizio Goetz @ 01.02.06 10:09

Advertising
Commenti Recenti
gm: chi me lo presta? [Leggi]
Maurizio Goetz: bella recensione. [Leggi]
TAG

Post Recenti
Archivio
Categorie
Link
Autori
Andrea.Boscaro (4)
Andrea.Cappello (3)
Antonella.Cadeddu (28)
Claudia.Lanteri (2)
Claudio.Iacovelli (4)
Elisabetta.Oldrini (35)
Enrico.Bianchessi (21)
Eva.Bassi (2)
Federico.Riva (27)
Francesca.Gugliucci (2)
Gianluca.Arnesano (2)
Gianluca.Demarchi (19)
Gianluca.Diegoli (12)
Giorgio.Baresi (1)
Giuseppe.Mayer (114)
Jacopo.Gonzales (7)
Laura.Cocorempas (9)
Lorenzo.Citro (3)
Lorenzo.LaRegina (1)
Lucia.Vellandi (3)
M. Bancora (120)
Marco.Loguercio (3)
Martina.Zavagno (2)
Matteo.Balzani (490)
Maurizio Goetz (136)
Maurizio.Caimi (2)
Michele.DeCapitani (1)
Redazione (50)
Riccardo.Porta (2)
Roberto Cucco (4)
Sebastiano.Pagani (38)
Simone.Lovati (11)
Thomas.Grones (3)
Thomas.Salerno (1)



Tutti i contenuti sono liberamente riproducibili citando la fonte. I commenti ai post appartengono ai rispettivi autori, i quali si assumono la responsabilitá di quanto scritto. I testi degli interventi appartengono ai rispettivi autori. Tutte le email comunicate sono archiviate esclusivamente per pubblicare il blog. Tutti i contenuti sono pubblicati sotto la licenza Creative Commons. Le opinioni riportate in questo sito non rispecchiano necessariamente nÚ hanno legami con le posizioni degli autori nelle aziende in cui lavorano, collaborano o forniscono consulenze.