IMlog
I dati Sballati di ABI
Autore: Federico.Riva | Categoria: Web Marketing | Data: Sabato, 23 Aprile 2005 

"ed e' in crescita anche il rapporto tra chi entra in un negozio virtuale e chi poi effettivamente acquista (sales conversion ratio): 6,7% nei primi sei mesi dello scorso anno contro 7,4% del secondo semestre". Questo secondo i recentissimi dati ABI. Alla luce di questi dati, evidente che l'indagine tutta sballata e quindi inaffidabile. Come si fa a dire che il 7% degli utenti di un sito acquista online? se si arriva all'1% gi un buon risultato. le conversion in U.s.a sono in media del 2,5, 3%. Come possibile che in Italia stiamo al 7? E semplice: i dati sono sballati. BTW. un milione di persone hanno comprato online e sembra essere un successo. Come se una persona su 15 che entra in un bar consumasse qualcosa ...:)

Commenti

il 7% non credibile. ma se questo 'milione' effettivamente vero -quel numero non invoglia precisamente alla fiducia- secondo me un successo. A pelle, mi sento di dire che negli ultimi 12 mesi qualcosa nel sottosuolo si muove molto velocemente, le persone comuni ne parlano, il fenomeno non piu' un 'fenomeno', l'ecommerce comincia a somigliare a qualcosa di normale -e quindi di reale-.

Inviato da: gianluca @ 23.04.05 14:37

Posto che siano entrambi 'eccessivi' come paragoni, penso che quello che fai tu sia pi simile a chi vede un banner o un pop up di un negozio; qui si tratta di persone che sono entrare nel sito. Pensa allo shopping cart abandonement; un fenomeno tipico solo di internet che ancora deve essere capito bene; molto ha a che vedere proprio con la situazione di 'solitudine' che vive il potenziale acquirente al momento di dovere pagare. Una situazione del genere non assolutamente immagibnabile un negozio reale. Rimane il fatto che non capisco come possiamo fare dei ragionamenti sullo shopping online italiano quando i dati sono cos palesemente errati...

Inviato da: federico riva @ 23.04.05 12:30

Posto che siano entrambi 'eccessivi' come paragoni, penso che quello che fai tu sia pi simile a chi vede un banner o un pop up di un negozio; qui si tratta di persone che sono entrare nel sito. Pensa allo shopping cart abandonement; un fenomeno tipico solo di internet che ancora deve essere capito bene; molto ha a che vedere proprio con la situazione di 'solitudine' che vive il potenziale acquirente al momento di dovere pagare. Una situazione del genere non assolutamente immagibnabile un negozio reale. Rimane il fatto che non capisco come possiamo fare dei ragionamenti sullo shopping online italiano quando i dati sono cos palesemente errati...

Inviato da: federico riva @ 23.04.05 12:30

"BTW. un milione di persone hanno comprato online e sembra essere un successo. Come se una persona su 15 che entra in un bar consumasse qualcosa ...:)"

No, come se uno su 15 che passeggia da Via Montenapoleone entra a comprare.

Considera che un sito internet di e.com e' piu' simile ad una vetrina che ad un negozio vero e proprio.

Inviato da: Stefano "Free.9" Scardovi @ 23.04.05 10:08

Advertising
Commenti Recenti
gianluca: il 7% non credibile. ma se questo 'milione' ef [Leggi]
federico riva: Posto che siano entrambi 'eccessivi' come paragoni [Leggi]
federico riva: Posto che siano entrambi 'eccessivi' come paragoni [Leggi]
Stefano "Free.9" Scardovi: "BTW. un milione di persone hanno comprato online [Leggi]
TAG

Post Recenti
Archivio
Categorie
Link
Autori
Andrea.Boscaro (4)
Andrea.Cappello (3)
Antonella.Cadeddu (28)
Claudia.Lanteri (2)
Claudio.Iacovelli (4)
Elisabetta.Oldrini (35)
Enrico.Bianchessi (21)
Eva.Bassi (2)
Federico.Riva (27)
Francesca.Gugliucci (2)
Gianluca.Arnesano (2)
Gianluca.Demarchi (19)
Gianluca.Diegoli (12)
Giorgio.Baresi (1)
Giuseppe.Mayer (114)
Jacopo.Gonzales (7)
Laura.Cocorempas (9)
Lorenzo.Citro (3)
Lorenzo.LaRegina (1)
Lucia.Vellandi (3)
M. Bancora (120)
Marco.Loguercio (3)
Martina.Zavagno (2)
Matteo.Balzani (490)
Maurizio Goetz (136)
Maurizio.Caimi (2)
Michele.DeCapitani (1)
Redazione (50)
Riccardo.Porta (2)
Roberto Cucco (4)
Sebastiano.Pagani (38)
Simone.Lovati (11)
Thomas.Grones (3)
Thomas.Salerno (1)



Tutti i contenuti sono liberamente riproducibili citando la fonte. I commenti ai post appartengono ai rispettivi autori, i quali si assumono la responsabilitá di quanto scritto. I testi degli interventi appartengono ai rispettivi autori. Tutte le email comunicate sono archiviate esclusivamente per pubblicare il blog. Tutti i contenuti sono pubblicati sotto la licenza Creative Commons. Le opinioni riportate in questo sito non rispecchiano necessariamente n hanno legami con le posizioni degli autori nelle aziende in cui lavorano, collaborano o forniscono consulenze.